top of page

Messaggio municipale per l’adozione di nuove zone con moderazione di velocità 30/20 km/h


Il Municipio di Lugano ha licenziato all’attenzione del Consiglio Comunale un messaggio con la richiesta di un credito di costruzione di 2,7 milioni di franchi per l’adozione di nuove zone con moderazione di velocità 30/20 km/h.

Con l’obiettivo di migliorare la sicurezza stradale e la qualità di vita sul territorio cittadino, l’Esecutivo ha elaborato un messaggio con una richiesta di credito di 2,7 milioni di franchi per l'introduzione di nuove zone a completamento di quelle esistenti con moderazione della velocità e per l’adeguamento della segnaletica di quelle esistenti alle normative in vigore.

Le zone con moderazione del traffico contribuiscono a creare una città più sicura, accessibile e sostenibile. La riduzione della velocità nei quartieri a vocazione residenziale, inoltre, è una misura efficace per migliorare la qualità di vita nelle aree urbane.

I benefici delle zone con moderazione del traffico a 30/20 km/h sono i seguenti: • aumento della sicurezza della circolazione, grazie alla riduzione del numero di incidenti e dei movimenti veicolari impropri;

• riduzione della gravità degli incidenti, grazie alla velocità d'urto inferiore; • miglioramento della qualità di vita, grazie alla riduzione delle emissioni moleste (rumore e inquinamento atmosferico);

• alleggerimento dei quartieri dal traffico parassitario di transito;

• recupero di spazi urbani pregiati, grazie alla riduzione delle superfici riservate al traffico e alla convivenza dei diversi utenti sullo stesso spazio;

• attenuazione della differenza di velocità tra biciclette e automobili.

A Lugano oggi si contano 71 km (36% del totale) su 197 km di strade comunali moderate a 30 o 20 km/h (zona incontro). Con l'aggiornamento proposto oggi dal messaggio municipale si avranno 109 km di strade moderate (+ 38 km).

Il credito di realizzazione richiesto di 2.7 milioni è destinato ai seguenti interventi:

• interventi edilizi sul campo stradale;

• “porte” di accesso alla zona, con segnaletica e demarcazione a tutte le entrate veicolari; conformemente alle disposizioni di legge;

• demarcazione del limite di velocità “30” a distanze regolari e in uscita dagli incroci; • demarcazione per evidenziare la precedenza da destra agli incroci ritenuti idonei; • applicazione generale del divieto di sosta tramite integrazione nella segnaletica di zona; • adeguamento della segnaletica esistente al nuovo regime di zona (soppressione di segnali superflui o non coerenti).

I provvedimenti introdotti sul campo stradale riguardano ad esempio la creazione di dossi a favore dell’attraversamento pedonale, restringimenti alternati di carreggiata mediante paletti o vasi; la creazione di nuovi posteggi o isole verdi; la redistribuzione e l’ottimizzazione della posizione dei parcheggi esistenti.

bottom of page