top of page

Lugano omaggia il giovane team ticinese di robotica Smilebots

La Città omaggia il giovane team ticinese di robotica Smilebots

Le ragazze e i ragazzi del team di robotica Smilebots sono l’espressione più bella della creatività e dell’ingegno dei giovani ticinesi che tengono alto il nome del Cantone Ticino all’estero. Il Sindaco Michele Foletti ha voluto omaggiare nella serata di oggi a Palazzo Civico Elisa Negri, Gaia Gladulich, Federico Colapicchioni, Leonardo Domeniconi e Federico Corsale che, insieme al compagno Leonardo Domeniconi, hanno conquistato il 1° premio nella competizione “robot game”, il 2° nella categoria “progetto innovativo” e il 5°posto nella classifica generale della prestigiosa First Lego League disputata in California lo scorso maggio.All’incontro erano presenti anche il coach Corrado Corsale e Cristina Giotto Boggia, presidente e direttrice di ated-Associazione Ticinese Evoluzione Digitale che ha sostenuto insieme alla Città la squadra ticinese. La competizione First Lego League è tra le più importanti nell’ambito delle sfide di programmazione e robotica: le squadre che si sono sfidate in finale erano 75 e addirittura 40mila hanno gareggiato a inizio della competizione, nelle varie sfide nazionali e regionali: numeri che attestano il valore dei risultati ottenuti da Smilebots.Il Sindaco Michele Foletti, durante il suo discorso di benvenuto, ha espresso a nome del Municipio le sue più vive congratulazioni. "Vi ringrazio poiché grazie alle vostre capacità e alle esperienze che state facendo ci mostrate che non bisogna temere le nuove tecnologie. Sono, anzi, un'opportunità da promuovere che ci aiuterà in numerosi ambiti. Potremo in futuro dedicarci a compiti diversi e sempre più stimolanti. Lugano è una Città attenta all'innovazione e alla formazione nei settori tecnologici e apprezziamo in modo particolare lo straordinario successo che avete ottenuto: è la prima volta che una squadra svizzera raggiunge questo traguardo. La Città è orgogliosa del vostro successo".Il team di robotica Smilebots ha presentato il progetto Febo con cui ha saputo stupire i giudici della finale americana. Febo è un dispositivo dell'Internet of Things in grado di rilevare, raccogliere e condividere dati attraverso una piattaforma dedicata; utilizzando vari sensori, può ad esempio raccogliere i dati geolocalizzati di pressione, temperatura, umidità, rumore, vibrazione, illuminazione, qualità dell'aria. Il dispositivo può anche trasformarsi in un innovativo strumento di comunicazione. Febo contiene anche un sistema di illuminazione dotato di un sensore che rileva la quantità di luce presente: in alcune are pedonali può essere impiegato come colonnina di SOS per chiamare e chiedere aiuto. Si tratta di uno strumento ingegnoso con numerose opportunità di utilizzo e sviluppo.Il Sindaco Foletti ha infine omaggiato le ragazze e i ragazzi del team Smilebot con la borraccia e alcuni gadget della Città di Lugano.

bottom of page