Lugano, Lido S. Domenico senza barriere architettoniche

Il Municipio ha promosso un progetto di riqualifica dell’area adiacente al lido S. Domenico per rendere questo luogo di pregio della città accessibile alle persone con disabilità. La Città è da tempo impegnata a implementare misure di abbattimento delle barriere architettoniche, con l’obiettivo di favorire una città sempre più inclusiva e attenta ai bisogni dei luganesi e dei turisti.


Nell’area adiacente all’entrata del lido San Domenico, sul sentiero che porta a Gandria, saranno realizzati alcuni interventi di manutenzione volti a eliminare le barriere architettoniche e garantire l’accesso alle persone con disabilità motoria, oggi difficoltoso per la presenza di una rampa con una notevole pendenza. Il progetto prevede la riqualifica dello spazio esterno e la sistemazione dell’accesso. L’area sarà ridisegnata, migliorando l’apertura verso il lago con la creazione di un terrazzo; l’accesso al lido sarà possibile grazie a una nuova rampa, con una pendenza ridotta al 6% (oggi è il 19%). Dei nuovi gradoni potranno essere utilizzati come sedute o come scale. Particolare attenzione sarà data al tema delle isole di calore, con l’inserimento di quattro alberi ad alto fusto, aiuole e superfici permeabili. All’ombra dei platani già presenti e delle nuove alberature sarà posato un arredo adatto per accogliere in modo inclusivo le persone con disabilità motoria. Sono previste, inoltre, la manutenzione dei parapetti e la posa di una nuova illuminazione. I diversi percorsi saranno collegati e sempre accessibili anche alle persone in sedia a rotelle. La discesa a lago avverrà con l’ausilio di un montascale e di un sollevatore meccanico. Il progetto è stato presentato all’Associazione inclusione andicap Ticino. L’inizio dei lavori è previsto per primavera 2022, procedure permettendo e il costo è di Fr. 350'000.- sulla base del messaggio municipale Barriere architettoniche: interventi a favore dei disabili sui percorsi cittadini.

15 visualizzazioni0 commenti